Scopri i negozi

News

Quale piscina fuori terra scegliere? Ecco alcuni spunti

Quale piscina fuori terra scegliere? Ecco alcuni spunti
Share

A cosa ti fa pensare la parola estate? Ti diamo un indizio… Sicuramente relax! Quel meritato, atteso e sognato momento in cui potersi godere appieno il tempo libero insieme alla famiglia.
A casa possiamo raggiungerlo molto spesso: come? Creando un angolo speciale in giardino, attrezzato con una bella piscina. Per orientarci nelle svariate tipologie, andiamo a scoprire alcuni fattori da considerare nell’acquisto della giusta piscina fuori terra per il tuo giardino.

Facciamo un passo indietro: perché consigliamo una piscina fuori terra?

Le piscine fuori terra hanno innegabili vantaggi: il principale è quello di adattarsi perfettamente a qualsiasi spazio. Le diverse forme esistenti vanno a soddisfare ogni esigenza, anche dal punto di vista del design, e non hanno nulla da invidiare alle piscine interrate. Le piscine rotonde e quelle quadrate sono adatte ad ambienti completati da un angolo con salottino, anche angolare. Le allungate piscine rettangolari sono spesso inserite vicino al prato, dove ci sono dei lettini sdraio. Possono essere alte meno di un metro per facilitare il gioco dei bambini oppure al di sopra di un metro per i ragazzi e gli adulti.

Il secondo vantaggio è la facilità di installazione. Le piscine fuori terra non necessitano di lavori strutturali né di permessi specifici, sono installabili  senza costi ulteriori di mantenimento esterno. Seguendo le istruzioni di montaggio, presenti in ogni confezione, si può montarla in autonomia in poco tempo, anche con il supporto dei familiari che contribuiscono a costruire l’angolo relax.

Il terzo vantaggio è la manutenzione che puoi facilmente fare all’acqua della piscina: tienila in movimento con la pompa a filtro o a sabbia; elimina alghe e batteri aggiungendo cloro e anti-alga; inoltre togli insetti e foglie che eventualmente si depositano.

 

1. Piscina fuori terra: lo spazio a disposizione

Le piscine fuori terra sono disponibili in una varietà di dimensioni e forme: per questo è importante misurare l’area in cui vorresti posizionare la tua piscina, facendo attenzione ad aggiungere qualche metro in più attorno al perimetro per le attrezzature e la facilità di movimento.

Per creare un’oasi ideale cerca una zona soleggiata, protetta dal vento e lontana dagli alberi. Ciò garantisce calore e riduce la quantità di detriti che potrebbero cadere all’interno della piscina.

Un’altra importante valutazione preventiva dello spazio è legata ovviamente alla conformazione del terreno. È fondamentale che il terreno non sia in pendenza e sia privo di asperità, al fine di evitare danni al fondo della piscina.

 

2. Piscina fuori terra: quale scegliere? Le piscine autoportanti

Le piscine autoportanti si chiamano così proprio perché non hanno una posizione fissa, anzi c’è libertà di scelta dello spazio in cui posizionarle.

Si è soliti dividerle in gonfiabili e semi-gonfiabili: le prime – dedicate ai più piccoli – sono le più semplici da installare, dato che è sufficiente gonfiarle e utilizzarle. Le semi-gonfiabili hanno invece una parte gonfiabile ma anche una struttura che diventa via via leggermente più complessa, diventando una via di mezzo tra piscina gonfiabile e con telaio.

Oltre ai già citati vantaggi di tempo e spazio, è bene sottolineare il fatto che questo tipo di piscine siano anche estremamente resistenti, tanto da renderle utilizzabili senza preoccupazioni per tutta la stagione calda. Le autoportanti sono una buona opzione per approcciare il mondo delle piscine: investendo relativamente poco in termini economici e di tempo, aiutano a comprendere bene come gestire una piscina dal punto di vista dell’utilizzo e della manutenzione.

  • Easy Set di di Intex è un ottimo compromesso tra piscina gonfiabile e con telaio: non ha bisogno di strutture metalliche, ma ha solo un anello portante collocato lungo il bordo. Una volta che la piscina è riempita d’acqua, l’anello si alza fino a che creare la forma definitiva.
    È perfetta per i più piccoli, anche perché non ha angoli o parti metalliche pericolose, ma è anche abbastanza grande da poter ospitare tutta la famiglia grazie al suo diametro di 183 cm x 51 cm di altezza.

 

piscina-intex-easy-set

3. Piscina fuori terra: quale scegliere? Le piscine tubolari

Le piscine tubolari sono piscine fuori terra sostenute da una struttura metallica. A differenza delle autoportanti non presentano il bordo gonfiabile ma sono costituite da un’apposita struttura realizzata in prevalenza da lunghi tubolari in acciaio resistente.

I principali vantaggi sono la facilità di montaggio – in questo caso consistente nel collegare le parti giuste con il supporto del manuale – e l’ampia disponibilità di forme e dimensioni: dal formato tondo, più adatto al relax, a quello rettangolare dove dilettarsi in giochi d’acqua e sport acquatici.

 

  • La robustezza di un telaio, costituito da tubolari di acciaio rigidi, e un processo di assemblaggio semplice, con solo pochi attrezzi, fanno della piscina rettangolare Power Steel di Bestway con pompa filtro una scelta sicuramente intelligente per le famiglie. L’unicità del design previene la formazione della ruggine ed evita il passaggio dell’acqua all’interno delle giunture della struttura. Il dosatore galleggiante ChemConnect assicura la pulizia e la cura dell’acqua rilasciando solo la quantità di cloro necessaria per mantenere l’equilibrio chimico.
    Questo tipo di piscina non ha nulla da invidiare alle classiche piscine interrate né in termini di dimensioni, né tantomeno in termini di resa: una soluzione perfetta per chi vuole creare nel proprio giardino un angolo di relax e di paradiso.

 


 

Vieni a scoprire la piscina fuori terra più adatta nei negozi Centercasa! Clicca l’ immagine sotto e scopri il punto vendita più vicino a te!